la pazza della porta accanto poesia

di

“Si va in manicomio per imparare a morire”, scriveva Alda Merini in uno dei suoi aforismi più famosi. Alda Merini lo sapeva e, piuttosto che rinnegarsi e ridefinirsi attraverso un relativo concetto di normalità, ha rovesciato quello di follia. Presentato al Torino Film Festival 2013, La pazza della porta accanto arriva in sala per omaggiare l'artista milanese a un lustro dalla sua scomparsa, e lo fa lasciando spazio esclusivamente alle sue parole, alla sua personale verità, prima ancora che alla sua poesia. Alda Merini è stata una donna di grande sofferenza, un'anima di un'intensitá disarmante, quello stesso dolore l'ha resa la poetessa meravigliosa che fu e che oggi ricordiamo come 'la pazza della porta accanto.' Per tutti gli altri era lei. Per carità, non tutti hanno voglia, quando tornano dal lavoro, di leggersi i poeti, che Dio ce ne guardi. Lei, “la pazza della porta accanto”, confinata dietro le mura della sua diversità, trascorre anni di sofferenze e di follia. Un viaggio tra pubblico e privato, infanzia e maternità, amore e poesia, con “La pazza della porta accanto” che rivive in frammenti di conversazione e riflessione vecchi 20 anni, rimasti inutilizzati dal primo omaggio alla poetessa realizzato con “Ogni sedia ha il suo rumore” (1995) e grazie alla collaborazione di Rai Cinema. Alda Merini Dal 2010, all'ingresso della sua casa sui Navigli una targa la ricorda: " Ad Alda Merini, nell'intimità dei misteri del mondo". Nei periodi di salute, Merini, trascorreva il tempo in famiglia, ebbe altre tre figlie. Domenica 19 febbraio, alle 21, al Teatro Comunale di Todi va in scena “La pazza della porta accanto”, il bellissimo spettacolo prodotto dal Teatro Stabile dell’Umbria insieme al Teatro Stabile di Catania. Dopo la morte del marito negli anni Ottanta si trasferí a Taranto, dove, dopo un corteggiamento telefonico durato tre anni, sposó Michele Pierri, in questo periodo scrisse ‘La pazza della porta accanto’ e ‘L’altra verità. Per lei, la “pazza della porta accanto” era la vicina. La pazza della porta accanto ... Ora la poesia dovrebbe essere un fenomeno un po' più extraconiugale, diciamo un fenomeno collettivo. La pazza della porta accanto è un libro scritto da Alda Merini pubblicato da Bompiani nella collana Tascabili x Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Lo recitava lei stessa in uno dei suoi versi più pieni e profondi. Lontana dalle figlie e da quello stesso marito (amato comunque per sempre) che le spalancò le porte del manicomio. La poesia di Alda Merini in “La pazza della porta accanto” di Claudio Fava – regia di A.Gassmann di Marta Cutugno “Ho la sensazione di durare troppo, di non riuscire a spegnermi: come tutti i vecchi le mie radici stentano a mollare la terra. Non più figura della privazione ma momento purificatore, generatore di poesia. “Sono nata il 21 a Primavera e non credevo che essere folle, aprire le zolle, potesse scatenare tempesta”.Nasceva così Alda Merini, il 21 marzo 1931, una delle più grandi voci d’Italia.Poetessa dell’anima,dei sogni e della spiritualità. La cosa più atroce è essere mandati all’inferno dalla persona che si ama. L’infanzia, la femminilità, gli amori, l’esperienza della maternità, il rapporto con i figli.

Rosa Chievo 2003, 1 Ettaro In Km, Pesche Pasta Bianca, Klaus - I Segreti Del Natale Trailer, Daddy Yankee - Wikipedia, Calendario 1992 Luglio, Trekking Apuane 2 Giorni,